Crea sito
Skip to content

Monica Alletto

Monica Alletto è un’artista di 25 anni originaria di Palermo che oggi su Girlz Room ci racconta come sia passata dall’essere “maestra nel disegnare i Pokemon” a illustratrice di professione! Leggete l’intervista and Have Fuuuuun!

 

Ciao Monica! Parlaci un po’ di te, come ti sei avvicinata al disegno? Da bambini tutti lo fanno, per te c’è stato un evento o una magari una particolare figura d’ispirazione che hanno fatto sì che ti interessassi in modo specifico a questa forma di espressione? monica alletto

Beh, in verità più che un episodio preciso è stata un’esigenza. Fin da piccola ho avuto la passione per il disegno, ricordo che prendevo le riviste di mamma e facevo delle “mascherone” a tutte le facce degli attori/attrici stampati in copertina…ma se devo ricollegare il tutto ad un inizio è sicuramente riconducibile alla prima media. La scuola media si sa è l’inizio di un percorso di transizione, fate conto che io ero una bimba un po’ timida …insomma a causa di ciò non comunicavo molto con gli altri, stavo sempre in disparte non riuscendo a far venire fuori quello che di me c’era.

Allora un giorno decisi di mostrare ai miei compagni qualcosa che Monica sapesse fare davvero senza dover parlare…disegnare appunto! E da lì a poco ero diventata la disegnatrice di classe, una maestra nel disegnare i Pokemon! Questo fece si che iniziassi a parlare con i miei compagni e a far venire fuori Monica. Qui diciamo che mi sono avvicinata al disegno non tanto per caso, ma per necessità.

 

 

Monica Alletto - Picame header
Picame header

 

 

Quando hai cominciato a pensare che avresti potuto fare della tua passione per l’illustrazione un vero e proprio lavoro? Hai sempre saputo di voler fare l’illustratrice o in passato ti saresti immaginata con un’altra carriera?

Personalmente, prima di arrivare a dire “FARO’ L’ILLUSTRATRICE!” ho percorso nella mia mente diverse carriere…la dottoressa, la dirigente scolastica…insomma è passato un po’ di tempo prima di arrivare a questa conclusione…un po’ come per tutti, all’inizio, disegnare era circoscritto al solo piacere di farlo, non si pensava che se ne potesse fare un lavoro, poi entrando nelle dinamiche, capendole e altro ho deciso si di fare della mia passione e attività principale un lavoro, con tutti i suoi pro e contro.

 

 

Parlando del tuo stile, quali sono gli aspetti della tua vita quotidiana che più influenzano il tuo modo di disegnare, sia nella tecnica che nei soggetti?

Di sicuro le persone, sì perché le persone fanno parte della mia quotidianità, ne vedo e mi scontro con tante ogni giorno (eheheh). Questo perché sono una pendolare da SEMPRE quindi che io sia a piedi, in treno o in bus le persone mi scorrono davanti come fiumi e il mio intento è quello di coglierne i particolari più unici di ognuno, cercando di ridurli al minimo e tirarne fuori l’aspetto più “umoristico” mescolandolo un po’ al “cupo” diciamo. Il mix di elementi che risiede in ognuno di noi…l’emozione che traspare di più.

 

 

In definitiva, come descriveresti il tuo stile?

Minimale, umoristico e a tratti cupo. Dipende.

Monica Alletto - Watermelon woman
Watermelon woman

 

 

Monica Alletto - Spacetravel
Spacetravel

 

Monica Alletto

Tra tutti i progetti a cui hai lavorato o a cui stai lavorando, ce n’è uno (o anche più) a cui sei più “affezionata”?

Il progetto a cui sono più affezionata è quello svolto l’anno scorso per Alchemica Gallery, partecipando al progetto che prende il nome di “Future” insieme a tanti altri bravissimi illustratori. E’ stato il primo vero progetto completo a cui ho partecipato e poi ha saputo mostrare un nuovo lato dell’illustrazione che è quello della realtà aumentata e il fatto di poter vedere un proprio lavoro prendere vita grazie a dei bravissimi animatori è di sicuro una delle prime emozioni che ti ricorderai, ecco.

Monica Alletto

 

Come descriveresti in poche parole la vita di un artista freelance?

Beh, di sicuro come ogni lavoro ha i suoi alti e bassi…gli alti è il piacere di gestirsi in qualche modo i propri tempi ( anche se sono molto dettati dalle deadline del cliente eh) e i luoghi dove poter lavorare, vuoi mettere poter lavorare all’aria aperta!? I bassi sono che devi stare attento a molte cose, assicurarsi sempre per chi si lavora e le condizioni, qualcuno che ti assicuri questo è importante.

Monica Alletto

 

Ci consigli qualche illustratrice da seguire?

C’è un limite massimo? Ahahah no perché il mondo ne è pieno ma proverò a dirvene alcune che per me sono TOP.
Maria Corte , Lorraine Sorlet , Maria Herreros, Lisa Tegtmeier

 

 

Dove possiamo trovare i tuoi lavori?

I miei lavori è possibile trovarli sul mio account instagram: monicalletto  o sul mio Behance: /www.behance.net/monica_alletto

 

Grazie Monica e a presto!! 

 

Illustrazione realizzata per #arthinkeditions per il concorso #VinylArthink targato #BrunoriSas

 

 

Monica Alletto - Possibilità singolare femminile
Possibilità singolare femminile

 

 

 

Monica Alletto - Donna
Donna
Monica Alletto - Goodnight
Goodnight

 

Monica Alletto - Nascita di un'idea
Nascita di un’idea